Scambio figlio adolescente con nano da giardino…
se necessario anche tutti e sette!
 
Qualcuno di voi mi capisce vero?
A tutti gli altri vorrei fare alcuni esempi…
avete presente le foglie triturate?
il pesto di mandorle?
i fughi trifolati?
la betoniera in azione?
le uova strapazzate?
i marron glacé?
Ecco vagamente cosa si prova ad avere in casa un figlio adolescente.
Non una cosa da poco…un giorno o due…
ma un periodo che va pressapoco dalla fine delle elementari
( se comprendiamo i primi segnali di preaddolescenza)
a…
io pensavo fine medie … ma a metà liceo siamo ancora in ballo!
Credo che il dolcetto che meglio rappresenta lo stato d’animo
di un genitore di figlio adolescente sia il crumble!
Provate a farlo e ne capirete il perchè!
Accendi il forno a 180°.
In una ciotola unisci la farina, lo zucchero ed
 il burro freddo tagliato a cubetti.
Copri e riponi in frigorifero.
Taglia le pesche,
 falle saltare per qualche minuto in padella con un cucchiaio di zucchero,
qualche seme di carmamomo verde e una spremutina di lime
(mi son dimenticata di fotografarlo!)
Puoi preparare il crumble in una pirofila da forno,
io prefersco servirlo nelle ciotoline monoporzione.
Togli dal frigo il composto e lavoralo velocemente con le mani.
 Metti un paio di cucchiaiate di pesche sul fondo delle ciotoline,
aggiungi il composto fino all’orlo.
Inforna per 1/2 ora.
Servi caldo accompagnato da una pallina di gelato.
 E poi lo so…
ci son già passata con tuo fratello, 
ad un certo punto ci sarà calma piatta!
Partirai la domenica sera e tornerai il sabato mattina con una valigia
di cose da lavare mescolate a racconti fantastici,
a progetti esclusivi, a risate sonore.
Ti lascerai abbracciare e potrò darti i baci 
che ho tenuto accumulati in un barattolo per tutta la settimana.
Mi pentirò di averti scambiato con un nano da giardino perchè valeva la pena
attendere, valeva la pena permetterti di sperimentare,
confrontare, discutere, 
lasciare che tu fossi libero di credere ed inseguire i tuoi perchè.
Cambio il sottotitolo…
Offro crumble di pesche a figlio adolescente in cambio di dialogo articolato,
 senza monosillabi della durata di almeno 5 minuti.
ps.
Ti ho già detto che ti amo anche oggi??
Mamma