Certamente avrebbe preferito nutrirsi di insetti 
dal momento che è una pianta carnivora,
 ma la pinguicula ha intrappolato tre biscotti.
Meno carne ingeriamo meglio è… ed un dolcetto coccola di più!
La pinguicola è una pianta perenne
che ci regala un fiorellino rosa appoggiato alla fine di un esile stelo.
E’ di gamba lunga per evitare che un’insetto impollinatore e curioso
resti intrappolato.
Vive in vaso e necessità di poca terra, 
ma se vive in terra e si aggrappa
 ancorata ben bene per assorbire l’umidità.
Non fa la schizzinosa e a tavola preferisce insetti, moscerini e qualche zanzarina.
Ha una caratteristica però che fa riflettere…
il sistema di secrezione può funzionare solo una volta, 
quindi un’area particolare della superficie fogliare può essere usata per digerire
 un solo insetto alla volta.
Un pò come la mamma che dice:
“Pianino … mastica pianino”
 
Trita le mandorle ed uniscile allo zucchero a velo.
Monta a neve l’albume con un pizzico di sale,
aggiungi lo zucchero semolato.
Unisci il composto di mandorle e zucchero a velo.
Riponi in frigorifero per un’oretta.
Distribuisci a cucchiaini sulla placca del forno foderata.
Cuoci per 15 minuti a 180°
Pianino … ed assapora,
come la pinguicola!
Gianly